Baccala' in umido: guida passo passo

(Firenze)ore 14:30:00 del 03/11/2018 - Tipologia: , Cucina

Baccala' in umido: guida passo passo

Il baccalà in umido si può conservare in frigorifero per 1-2 giorni al massimo. Potete congelare il tutto se avete utilizzato ingredienti freschi non congelati prima..

 

Il baccalà è un ingrediente fondamentale nella cucina italiana, infatti è il protagonista di molte ricette regionali. Sia la facilità di conservazione che il costo contenuto del baccalà hanno contribuito in passato al notevole utilizzo di questo ingrediente che ha permesso la creazione di succulenti piatti un po' ovunque lungo lo Stivale. Inoltre essendo un prodotto molto versatile si presta ad esser cotto nei modi più svariati, fritto, con i ceci, cotto in bianco con patate e olive, con peperoni oppure in umido come la ricetta che vi proponiamo oggi. Un secondo piatto perfetto da servire per un pranzo in famiglia o per una cena informale, per una cena tutta a base di pesce, dagli antipasti ai primi fino ai secondi piatti; il baccalà in umido è una ricetta che conquisterà tutti con la sua semplicità! Il sughetto di cottura arricchito da capperi e olive taggiasche non permetterà proprio a nessuno di resistere dal fare la scarpetta... se poi siete in cerca di un contorno per il baccalà in umido, potete preparare la bandiera, la ricetta della peperonata umbra!

Ingredienti

Baccalà dissalato 500 g Cipolle dorate 200 g Farina 00 100 g Passata di pomodoro 600 g Olio extravergine d'oliva 40 g Capperi sotto sale (da dissalare) 30 g Olive taggiasche 60 g Origano secco 1 cucchiaio Vino bianco 40 g Pepe nero q.b. Sale fino q.b. Prezzemolo q.b.

Come preparare il Baccalà in umido

Per preparare il baccalà in umido cominciate mettendo i capperi a dissalare: passateli ripetutamente sotto acqua corrente. Poi proseguite assicurandovi che non ci siano lische nella polpa del pesce. Passando le dita sulla carne dovreste sentirle, perciò se dovessero esserci rimuovetele con l’aiuto di una pinza (1). Dopodiché tagliate il pezzo di baccalà in 4 pezzi della grandezza di circa 3 cm ciascuno mantenendo la pelle, servirà a tenere compatto il pesce durante la cottura (2). Infine mondate e affettate sottilmente la cipolla (3).

Spostatevi ai fornelli e mettete sul fornello una casseruola. Dentro versate prima l’olio e poi le cipolle e fate rosolare queste ultime a fuoco dolce mescolando di tanto in tanto per una circa 4-5 minuti (4). Non appena saranno ammorbidite mettete da parte le cipolle facendo attenzione a non raccogliere anche l’olio (5) e infarinate velocemente i pezzi di baccalà. Ricordate di eliminare la farina in eccesso (6).

Alzate la temperatura e poi versate i pezzi di baccalà (7), ci vorranno 1-2 minuti per lato, quindi rigirate non appena saranno dorati (8). Sfumate con il vino bianco (9), e non appena l’alcol evapora abbassate un po’ la temperatura e aggiungete la passata di pomodoro (10). Ricongiungete le cipolle al condimento (11) e poi unite olive e capperi dissalati (12), profumate con l’origano (13) e infine insaporite con un pizzico di sale e pepe (14). Date una mescolata delicata (15), coprite con il coperchio (16) e fate cuocere per circa 40 minuti a fuoco dolce (17). Ecco pronto il vostro baccalà in umido, non vi resta che gustarlo accompagnandolo con delle fette di pane se preferite (18).

Conservazione

Il baccalà in umido si può conservare in frigorifero per 1-2 giorni al massimo. Potete congelare il tutto se avete utilizzato ingredienti freschi non congelati prima.

Consiglio

Tenete il sugo un po’ più liquido ricreando una sorta di zuppetta, i crostini andranno a nozze con il baccalà in umido! Se invece volete dare un po' di piccantezza al piatto aggiungete 1 peperoncino sminuzzato al sugo.

Giallozafferano

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Egg burger: guida passo passo
Egg burger: guida passo passo
(Firenze)
-

Potete utilizzare il tuorlo in avanzo per spennellare dei rustici o cornetti dolci e salati preparati con la pasta sfoglia, potete aggiungerlo al ripieno di una quiche o sbatterlo semplicemente con dello zucchero aggiungendo un po' di liquore per un veloc
  Regna indiscusso nei fast food di tutto il mondo ed è così versatile che ha...

Crema di porri e castagne: guida
Crema di porri e castagne: guida
(Firenze)
-

La crema di porri e castagne si può conservare per 2-3 giorni in frigorifero.
  Immaginate di scaldare le vostre mani cingendo una ciotola fumante di...

Yakitori roll: guida passo passo
Yakitori roll: guida passo passo
(Firenze)
-

Si consiglia di consumare gli yakitori roll appena pronti.
  Gli amanti della cucina asiatica conosceranno sicuramente sia gli spiedini...

Come fare i Saccottini salati
Come fare i Saccottini salati
(Firenze)
-

Sciogliete nell'acqua a temperatura ambiente il lievito (1).
  Con l'impasto dei croissant salati si possono realizzare tantissimi...

Torta salata agli spinaci: guida passo passo
Torta salata agli spinaci: guida passo passo
(Firenze)
-

Chi ama i sapori decisi può realizzare una crema diversa sostituendo il caciocavallo con 120 g di Gorgonzola.
  Da sempre amiamo le torte salate per la loro versatilità e la semplicità di...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati