Anelletti al forno: guida

(Napoli)ore 22:44:00 del 06/02/2019 - Tipologia: , Cucina

Anelletti al forno: guida

Date ancora una mescolata e poi proseguite la cottura per altri 30 minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando di tanto in tanto (7)..

 

I tesori culinari della cucina siciliana sono davvero infiniti. Potremmo passare ore a parlare dei piatti istituzionali e più famosi della bella isola del Sole, come per esempio la pasta alla Norma, lo sfincione e i cartocci fritti. Ma oggi abbiamo rispolverato il vecchio libro di cucina della nonna e abbiamo preparato, grazie ai suoi formidabili consigli, gli anelletti al forno. Ognuno conserva la propria ricetta di famiglia, suggerendo quali sono gli ingredienti che si trasmettono ormai da diverse generazioni. La nostra ricetta prevede un buon ragù di carne arricchito dai formaggi caratteristici, infine cuociamo il formato di pasta tipico, gli anelli siciliani, e dopo una breve mescolata si va in forno per amalgamare tutti i sapori. I nostri anelletti al forno ci son piaciuti tantissimo... troppo! Lasciatevi ispirare e fateci sapere se è successo anche a voi!

Ingredienti per una pirofila 30x20

Anelli Siciliani 350 g Manzo (macinato) 200 g Maiale (macinato) 200 g Concentrato di pomodoro 150 g Piselli surgelati 200 g Primosale 100 g Vino rosso 125 g Caciocavallo da grattugiare 80 g Pangrattato 40 g Olio extravergine d'oliva 40 g Sale fino q.b. Pepe nero q.b. Cipolle rosse di Tropea 80 g

PER LA TEGLIA E PER SPOLVERIZZARE

Olio extravergine d'oliva q.b. Pangrattato q.b.

Preparazione

Per preparare gli anelletti al forno cominciate mondando e tritando la cipolla rossa (1). Dopodiché trasferitevi ai fornelli e stufatela in un tegame con dell’olio, per 2-3 minuti, a fuoco dolce (2). Unite poi le carni: quella di manzo (3) e poi quella di maiale; granatele man a mano con un cucchiaio di legno, mentre lasciate rosolare per una decina di minuti (4). Trascorso il tempo sfumate con il vino rosso (5) e dopo un paio di minuti, il tempo necessario affinché l’alcol evapori completamente, potrete versare anche il concentrato di pomodoro (6) e abbassare la fiamma.

Stemperate accuratamente e poi versate l’acqua. Date ancora una mescolata e poi proseguite la cottura per altri 30 minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando di tanto in tanto (7). Successivamente unite anche i piselli (freschi o surgelati) e cuocete per altri 20 minuti (8), perciò aggiungete poca acqua al bisogno, e mescolate di tanto in tanto finché il sugo non sarà ben ristretto (9); aggiungete infine un pizzico di sale e una macinata di pepe a piacere.

Mentre il sugo cuoce, mettete sul fuoco una pentola con acqua da portare a bollore e salare: servirà per la cottura degli anelletti. Poi potete occuparvi della teglia: ungetela con un po’ d’olio e distribuitelo accuratamente lungo tutta la superficie di una pirofila da 30x20. Poi spolverizzate con il pangrattato (10) e agitate la pirofila in modo da far aderire per bene le briciole (11). Passate poi ai formaggi, grattugiate il caciocavallo (12) e tagliate a cubetti il primo sale (13). Tenete il tutto da parte e occupatevi della pasta: cuocete gli anelletti nell'acqua bollente scolandoli a 2-3 minuti dalla fine della cottura (14). Tuffateli direttamente nel tegame con il sugo oramai pronto: prima però assicuratevi che sia giusto di sale, nel caso aggiungetene ancora un pizzico (15).

A questo punto mescolate (16) e poi aggiungete il caciocavallo grattugiato tenendone da parte qualche cucchiaiata per la superficie (17), poi il primo sale a cubetti (18) ed un pizzico di pepe nero a vostro gusto (19). Mescolate ancora (20) e cominciate a riempire la teglia, aiutandovi con un mestolo (21).

Livellate la superficie in modo da distribuire equamente il tutto e spolverizzate con il restante caciocavallo (22) e poi il pangrattato (23). Infine cuocete in forno preriscaldato in modalità statica a 180° per circa 40 minuti. Prima di sformarli attendete 5 minuti, in questo modo i vostri anelletti al forno resteranno perfettamente in forma al momento di servirli!

Conservazione

Se preferite potete conservare gli anelletti al forno per 1-2 giorni al massimo, tenendoli in frigorifero chiusi in un contenitore ermetico.

Si possono congelare, preferibilmente se si sono utilizzati ingredienti freschi non decongelati.

Potete preparare in anticipo il sugo, anche la sera prima, e proseguire poi come da ricetta.

Consiglio

La ricetta originale vuole l’uso della Tuma, o Toma, il tipico formaggio siculo. Ma se non riuscite a trovarla non scoraggiatevi, utilizzate tranquillamente del primosale come abbiamo fatto noi.

Se volete provare un’altra versione stuzzicante aggiungete dei cubetti di melanzane fritti oppure rivestite la pirofila con delle fette sottili di melanzane, sempre fritte, in modo da ottenere un timballo super!

Giallozafferano

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
(Napoli)
-

Se preferite è possibile conservare la frolla in frigorifero per 2-3 giorni, oppure congelarla per circa 1 mese.
  Di crostate ne abbiamo preparate tante. Dalla più semplice con la confettura...

Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Napoli)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Napoli)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Napoli)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Napoli)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati