Addio alle multe con verbali: i Comuni potranno inviare direttamente la CARTELLA ESATTORIALE!

(Napoli)ore 18:45:00 del 31/10/2018 - Tipologia: , Cronaca, Denunce, Economia

Addio alle multe con verbali: i Comuni potranno inviare direttamente la CARTELLA ESATTORIALE!

Da oggi in poi non ci sarà più bisogno di notificare le multe stradali: il conducente potrà ricevere direttamente la cartella esattoriale e, se vuole contestare qualche vizio del verbale, dovrà farlo impugnando la cartella stessa.

Da oggi in poi non ci sarà più bisogno di notificare le multe stradali: il conducente potrà ricevere direttamente la cartella esattoriale e, se vuole contestare qualche vizio del verbale, dovrà farlo impugnando la cartella stessa (è tutto da spiegare però come, visto che non ha preso visione del verbale e quindi non ne può conoscere eventuali vizi). Possibile? Assolutamente sì, e a dirlo è una sentenza di ieri della Cassazione che si richiama peraltro alle stesse Sezioni Unite.

In buona sostanza, secondo la Corte, l’omessa notifica della contravvenzione stradale viene sanata dall’invio della cartella di pagamento. Ma procediamo con ordine e cerchiamo di capire quali sono i fondamenti di questa decisione e cosa cambierà da oggi in poi per gli automobilisti italiani.

Come certamente saprai, tutte le volte in cui devi pagare una sanzione o un tributo la pubblica amministrazione te lo comunica con un avviso che ti viene inviato direttamente a casa. Si tratta, in genere, di una raccomandata o della notifica con il messo comunale. Se, dopo questa comunicazione, non adempirai ai tuoi obblighi, l’amministrazione iscrive a ruolo l’importo di cui è creditrice e incarica della relativa riscossione l’Esattore.

Quest’ultimo, a sua volta, ti notifica prima la cartella di pagamento e poi procede con i vari pignoramenti. L’iter, per come descritto, è inderogabile: se una delle fasi della procedura non viene rispettata, tutti i successivi atti sono invalidi. Quindi basta l’omessa notifica del cosiddetto “atto prodromico”, ossia del primo avviso, per rendere illegittimo il pignoramento.

Chiaramente è il cittadino a doversi fare parte diligente e a contestare il mancato ricevimento dell’avviso di pagamento. Diversamente questo vizio si “sana”.

La regola speciale per le multe stradali

Secondo le Sezioni Unite della Cassazione, però, questa regola non vale quando oggetto della contestazione è una multa stradale. Se un automobilista si vede recapitare una cartella esattoriale per una multa che non ha mai ricevuto, non può limitarsi a impugnare la cartella deducendo solo l’omessa notifica dell’atto prodromico ossia la contravvenzione, ma deve anche indicare nel ricorso anche i vizi della contravvenzione stessa, ossia le ragioni  per cui questa è nulla.

Facciamo un esempio. Mario prende una multa con l’autovelox, ma sulla strada non era presente il cartello che avvisava i conducenti del possibile controllo elettronico della velocità. Mario non riceve mai la multa ma dopo due anni gli viene consegnata la cartella. Se Mario si oppone alla cartella contestando solo l’omessa notifica del verbale perderà il ricorso. Per vincere, Mario dovrà invece spiegare anche le ragioni per cui la contravvenzione è viziata e, quindi, dire che sulla strada mancava il cartello con l’avviso. 

Non c’è più bisogno di notificare le multe

In sintesi, se il cittadino si limita solo a impugnare la cartella deducendo l’omessa notifica del verbale il ricorso viene rigettato. Non bastano solo le contestazioni sulla violazione delle regole di procedura, ma sono necessarie anche quelle relative al merito della violazione stradale. Con la paradossale conseguenza che, se tali contestazioni non vengono sollevate, l’omessa notifica della contravvenzione viene automaticamente sanata.

Il che è assurdo. Come si fa a dire che un verbale è errato se non lo si è mai ricevuto? A questo punto i Comuni – che quanto a capacità speculative non hanno da invidiare nulla alle aziende commerciali – troveranno più conveniente inviare ai cittadini direttamente le cartelle e non anche le contravvenzioni visto che la notifica della cartella sana l’omessa notifica della multa.

Dago

Articolo di Samuele

ALTRE NOTIZIE
Farmaco anti ulcera e anti reflusso Omeprazolo ritirato, ecco perche'
Farmaco anti ulcera e anti reflusso Omeprazolo ritirato, ecco perche'
(Napoli)
-

Il precipitato è stato trovato in due lotti, ma tale fenomeno non deve portare ad allarmismi: l’Agenzia Italiana del Farmaco precisa di non doversi preoccupare.
Farmaco anti ulcera e anti reflusso Omeprazolo ritirato - La decisione è...

Cibi pericolosi che importiamo in Italia: la BLACK LIST COLDIRETTI
Cibi pericolosi che importiamo in Italia: la BLACK LIST COLDIRETTI
(Napoli)
-

LA BLACK LIST 2019 DEI CIBI PERICOLOSI IMPORTATI IN ITALIA - Dall’inizio dell’anno a oggi in Italia è stato segnalato un allarme alimentare al giorno e la maggior parte dei cibi pericolosi per la nostra salute provengono dall’estero.
LA BLACK LIST 2019 DEI CIBI PERICOLOSI IMPORTATI IN ITALIA - Dall’inizio...

Batosta sulle patenti: cosa cambia sui pagamenti
Batosta sulle patenti: cosa cambia sui pagamenti
(Napoli)
-

Revocata l'esenzione dell'imposta sulle lezioni per il conseguimento della patente di guida“
Patente, incubo aumenti per la batosta Iva: cosa cambia (e chi dovrà pagare)...

Paradisi fiscali: gli italiani nascondono 142 miliardi all'estero, ma nessuno fa nulla
Paradisi fiscali: gli italiani nascondono 142 miliardi all'estero, ma nessuno fa nulla
(Napoli)
-

142 MILIARDI EVASI DAGLI ITALIANI - Nei paradisi fiscali ci sono 142 miliardi di euro nascosti da contribuenti italiani, una cifra grande quanto l'8,1% del Prodotto interno lordo.
142 MILIARDI EVASI DAGLI ITALIANI - Nei paradisi fiscali ci sono 142 miliardi di...

Gioco d'azzardo: chi vince sempre, e' lo STATO
Gioco d'azzardo: chi vince sempre, e' lo STATO
(Napoli)
-

LO STATO “GIOCA” SUGLI ITALIANI - Che il gioco d’azzardo fosse causa di problemi per tanti cittadini, ma fonte di guadagno per le casse dello Stato, grazie alle tasse applicate su tale attività, è cosa ormai risaputa.
LO STATO “GIOCA” SUGLI ITALIANI - Che il gioco d’azzardo fosse causa di problemi...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati