10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze

(Firenze)ore 10:50:00 del 22/09/2018 - Tipologia: , Curiosità, Scienze

10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che vivessimo nel peggiore dei mondi possibili e che la felicità fosse solo un’illusione..

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che vivessimo nel peggiore dei mondi possibili e che la felicità fosse solo un’illusione. Famosa è la sua frase: “la vita oscilla come un pendolo avanti e indietro, tra dolore e noia”.

Tuttavia, dopo la sua morte, tra i suoi appunti personali venne trovato un manoscritto intitolato: “Die Kunst, glücklich zu sein”, che potrebbe essere tradotto come “L’arte di essere felici”.

In quel manoscritto elencava una serie di regole per evitare le sofferenze inutili ed essere più felici.

Questi sono alcuni tra i consigli più preziosi di questo filosofo per essere felici, o almeno provarci.

Le chiavi della felicità, secondo Schopenhauer

Evita l’invidia e i confronti

“Nulla è implacabile o crudele come l’invidia”, disse Schopenhauer. L’invidia è una delle emozioni più negative che possiamo provare perché ci condanna a uno stato di insoddisfazione permanente, allontanandoci dalla felicità.

Confrontarci con gli altri implica dedicare tempo ed energia a un compito infruttuoso in cui quasi sempre perdiamo, perché di solito ci confrontiamo con quelli che pensiamo essere più ricchi, capaci o felici.

Pertanto, il primo passo per essere felici è smettere di confrontarci e capire che l’invidia non ha senso perché siamo tutti diversi.

Smettila di preoccuparti dei risultati

Schopenhauer disse che prima di intraprendere qualsiasi progetto o prendere una decisione importante, dovremmo riflettere a lungo su di esso ma, una volta fatto il passo, dobbiamo smettere di preoccuparci ossessivamente dei risultati.

Il filosofo ci incoraggia a dare il meglio di noi stessi e a rimanere con l’intima soddisfazione di aver fatto del nostro meglio, senza essere troppo ansiosi per i risultati ottenuti, perché spesso non dipendono neppure esclusivamente da noi.

Segui il tuo istinto

Schopenhauer pensava che ci fossero persone molto creative e altre più logiche, persone portate all’azione e altre alla contemplazione.

Pertanto, uno dei suoi consigli per essere felice è lasciarsi portare dall’istinto e non andare contro la nostra natura.

Secondo lo psicologo Mihály Csíkszentmihályi, significherebbe trovare la nostra passione autentica e seguirla, entrare in quello stato di flusso che provoca un’enorme soddisfazione interiore.

Fai in modo che la tua felicità dipenda solo da te

Questo filosofo incoraggiava l’autosufficienza. Spiegava che se la nostra felicità dipende dagli altri, allora non è nostra.

Considerava che “la felicità appartiene a coloro che sono autosufficienti, perché tutte le fonti esterne di felicità e divertimento sono, secondo la loro specie, insicure, difettose, fugaci e soggette al caso”.

Per questo motivo, incoraggiava a cercare le ragioni per essere felici dentro di noi, non fuori.

Limita i tuoi desideri

Schopenhauer, profondamente influenzato dalla filosofia buddista, pensava che per essere felici dobbiamo limitare i nostri desideri.

Pensava che desiderare continuamente ci sprofonda in una spirale di insoddisfazione che ci porta a rincorrere cose che non finiranno mai di soddisfarci, perché genereranno nuovi bisogni e desideri.

Pertanto, era profondamente convinto che uno dei segreti per essere felici è desiderare molto meno.

Controlla le tue aspettative

Questo filosofo non solo ci incoraggia a limitare i nostri desideri, ma anche le nostre aspettative, perché queste sono spesso la causa dell’infelicità.

Ogni aspettativa che non è soddisfatta è un terreno fertile per la frustrazione. Infatti, egli affermava che “invece di speculare sulle possibilità favorevoli, inventando centinaia di illusioni speranzose, tutte gravide di delusione se non soddisfatte, dovremmo concentrarci su tutte le possibilità avverse, che ci porterebbero a prendere delle precauzioni”.

In altre parole, ci incoraggia a sviluppare una visione più realistica che ci permetta di affrontare gli ostacoli, invece di nutrire false aspettative che ci rendono infelici.

Valuta ciò che hai come se dovessi perderlo domani

Molto prima che venissero realizzati gli studi moderni sulla gratitudine, Schopenhauer parlava già dell’importanza di valorizzare ciò che abbiamo, dalla salute, la famiglia e gli amici alle cose materiali.

Ci avvertì che “raramente pensiamo a ciò che abbiamo; ma sempre in quello che ci manca”.

Pertanto, dobbiamo imparare a guardare alla vita attraverso lenti più positive, sentendoci grati per quei “doni” e approfittandone finché possiamo.

Iniziare la giornata ringraziando per quello che abbiamo è un modo eccellente per coltivare la felicità.

Sii compassionevole con te stesso

Possiamo diventare dei giudici molto spietati con noi stessi. Analizzando le nostre vite e gli errori che abbiamo commesso, potremmo esagerare con i rimproveri, generandoci un profondo senso di colpa e insoddisfazione che a sua volta genera amarezza.

Per questo motivo, Schopenhauer diceva che “la gentilezza è come un cuscino, che anche se non ha nulla dentro, almeno smorza le devastazioni della vita”.

Il filosofo incoraggia ad essere più gentili e comprensivi con i nostri difetti e debolezze, il che non significa che non dovremmo cercare di migliorare, ma senza autoflagellarci.

Bilancia l’attenzione tra il presente e il futuro

Schopenhauer pensava che uno squilibrio tra l’attenzione che diamo al presente e quella che diamo al futuro, può far sì che l’uno rovini l’altra.

In sostanza, ci esorta a elaborare progetti, ma restando con i piedi per terra, godendoci il qui e ora, senza rinviare la felicità ad un futuro che potrebbe non arrivare mai.

La sua idea era che non dovremmo ipotecare la nostra felicità per un obiettivo futuro, ma nemmeno dovremmo essere troppo offuscati da un’avversità presente per pensare che il futuro non ci porterà niente di positivo.

La chiave sta nel muoversi con scioltezza nel tempo, per trovare in ogni momento ciò di cui abbiamo bisogno per andare avanti.

Intraprendi e impara, sempre

Schopenhauer disse “non c’è vento favorevole per coloro che non sanno in che porto stanno andando”.

Pertanto, attribuiva sempre una grande importanza ai piani e ai progetti futuri, che apportano una buona dose di entusiasmo alla vita.

Quando restiamo nella nostra zona di comfort, senza imparare nulla o progettare nuove sfide, ci spegniamo un poco alla volta ogni giorno.

Pertanto, per essere felici, dobbiamo andare avanti continuamente, imparando sempre qualcosa di nuovo e ponendoci nuove sfide che ci consentano di crescere come persone

Da: QUI

 

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Mandorle, lo snack perfetto per chi soffre di diabete e cattivo colesterolo
Mandorle, lo snack perfetto per chi soffre di diabete e cattivo colesterolo
(Firenze)
-

Fonte di vitamine e sali minerali, di proteine vegetali, di fibre e di calcio: le mandorle, come un po’ tutta la frutta secca, sono un alimento utilissimo al nostro organismo.
Fonte di vitamine e sali minerali, di proteine vegetali, di fibre e di calcio:...

Cloruro di Magnesio: aiuta a curare quasi tutto e nessuno lo sa
Cloruro di Magnesio: aiuta a curare quasi tutto e nessuno lo sa
(Firenze)
-

Il Cloruro di Magnesio è ’lo scarto del sale,ma è indispensabile per l’attività di oltre 300 enzimi,svolge un ruolo fondamentale su quasi tutti gli apparati del corpo umano.
Il Cloruro di Magnesio è ’lo scarto del sale,ma è indispensabile per l’attività...

Virus creati in laboratorio per il 'bene' delle case farmaceutiche
Virus creati in laboratorio per il 'bene' delle case farmaceutiche
(Firenze)
-

Da sempre i laboratori di tutto il mondo sono impegnati nella ricerca di virus.A che scopo?Diffonderli tra la popolazione per poi vendere farmaci e vaccini per il “bene” delle case farmaceutiche che lucrano sulla salute degli esseri umani.
Da sempre i laboratori di tutto il mondo sono impegnati nella ricerca di virus.A...

Ecco la citta' dove si vive senza POLITICA, RELIGIONE E SOLDI!
Ecco la citta' dove si vive senza POLITICA, RELIGIONE E SOLDI!
(Firenze)
-

Lo sapevi che c’è un luogo in India in cui puoi vivere senza politica, religione e soldi? Questa città esiste e si chiama “Auroville”!
Lo sapevi che c’è un luogo in India in cui puoi vivere senza politica, religione...

Ciclisti pedalano in gruppo: giusto arrabbiarsi?
Ciclisti pedalano in gruppo: giusto arrabbiarsi?
(Firenze)
-

Con il presente articolo intendiamo fare chiarezza in merito ad una questione che sta a cuore a tanti automobilisti e ciclisti.
Con il presente articolo intendiamo fare chiarezza in merito ad una questione...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati