(Napoli)ore 16:08:00 del 21/07/2018 - Tipologia: , Denunce, Lavoro

.

Italiani schiavi del lavoro? Hanno i sensi di colpa per ferie e permessi

Sentirsi in colpa quando si prendono ferie permessi al lavoro: in Italia è una condizione che riguarda il 95% degli impiegati che passano le loro vite al chiuso e solo un'ora al giorno all'aperto. Questi i dati emersi dalla ricerca OnePoll commissionata a marzo 2018 a livello internazionale da Corona su un campione statistico di 15.000 impiegati in lavori d'ufficio (50% uomini e 50% donne) in 11 paesi.

Tre italiani su 4 controllano le email anche se in ferie

La reperibilità costante è motivo di preoccupazione per oltre il 73% degli intervistati, che dichiara che colleghi e superiori si aspettano da loro la reperibilità anche durante i periodi di permessi e ferie. Un malessere tanto sofferto che il 41% degli italiani non inserisce nemmeno il messaggio di 'Out Of Office' nella propria casella email. Sono addirittura 3 su 4 le persone che controllano la posta anche fuori dall'orario lavorativo e, anche se in ferie, il 30% di loro controlla la casella anche più volte al giorno.

''Non è un caso che in Francia si è dovuti addirittura ricorrere a una legge per garantire il 'diritto al distacco' e al giusto riposo del dipendente dagli impegni lavorativi per favorire così il ripristino della sfera personale e familiare", commenta Massimo Rosa, head hunter cuneese, che elabora e innova sistemi applicati in scala all'ambito delle risorse umane e della ricerca e selezione del personale.

Ferie e permessi: sono necessità psicologica

"Apprendere che la metà degli italiani - continua il "cacciatore di teste" Massimo Rosa - si sente in colpa per aver giustamente consumato il periodo di ferie, o continui a controllare e rispondere alle email di lavoro più volte al giorno anche durante tale periodo è ancor più stupefacente dello scoprire che addirittura il 95% di essi trascorra solamente un'ora al giorno all'aperto. Al netto di quelle attività che per la fisicità che richiedono hanno per forza un tempo di riposo e distacco per il recupero delle prestazioni, oggi paradossalmente la necessità del distacco è prevalentemente psicologica".

"Riposo, riposo, riposo sembra essere il rimedio più immediato, ma anche il tempo trascorso con gli amici, le risate in compagnia e soprattutto l'abbandonare (fisicamente) i dispositivi tecnologici in un cassetto per determinati periodi, sembrano essere semplici soluzioni per il ripristino veloce del proprio livello di attività fisica e psicologica''

Da: QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Manovra, arriva la nuova tassa auto: una PANDA costera' piu' di una BMW
Manovra, arriva la nuova tassa auto: una PANDA costera' piu' di una BMW
(Napoli)
-

Il governo vara la linea verde. Ma spiccano alcuni paradossi sul sistema 'bonus-malus' sulle emissioni di CO2
Una Panda che paga più di una Bmw da 50mila euro, l'ibrida Toyota Rav4 non solo...

Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
(Napoli)
-

Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media), così come loro le hanno rese pubbliche di modo che ognuno possa farsi la propria idea.
Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media),...

Che fine ha fatto l'Isis?
Che fine ha fatto l'Isis?
(Napoli)
-

L’attenzione dei media, italiani e non, sull’Isis è scemata notevolmente. Qual è oggi lo scenario nella vasta zona che ha visto in questi anni il dominio del Califfato?
Per anni ha occupato le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali ed...

Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
(Napoli)
-

Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha colpito l’export e da una crisi di fiducia sull’Italia che ha ridotto gli investimenti esterni e interni quando il governo ha esplicitato una linea de-sviluppista e assistenz
Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha...

Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
(Napoli)
-

Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo pianeta sta diventando sempre più globalizzato e centralizzato, eppure la maggior parte della gente non sembra preoccuparsene soprattutto per via della grande disinformazione
Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati